Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Meghan Markle ha abortito: ecco come è successo

Meghan Markle ha abortito: aborto spontaneo, Meghan racconta la sofferenza sua e di Harry. E' successo a luglio e la coppia ha perduto il suo secondogenito.

Redazione VitaDaMamma

di Redazione VitaDaMamma

25 Novembre 2020

Meghan Markle ha abortito, ha perduto suo figlio a causa di un aborto spontaneo. Questo è un lutto che porterà dentro per sempre, lo ha reso pubblico per dare voce a un dolore sordo e muto che accomuna tante donne e di cui poco si parla.

 

Meghan Markle ha abortito

Meghan Markle ha abortito.
Fonte immagine web.

 

Perdere un figlio significa portare un dolore quasi insopportabile, vissuto da molti ma di cui parlano pochi”, dice lei stessa nell’intervista appena pubblicata sul Times.

 

Prima di viverlo, quasi nessuna donna si compenetra nell’aborto fino a comprenderlo veramente, si persa troppo poco a quanto sia capillare e ricorrente: “Nel dolore della nostra perdita, io e mio marito abbiamo scoperto che in una stanza di 100 donne, da 10 a 20 di loro hanno sofferto di aborto spontaneo. Eppure, nonostante la sconcertante comunanza di questo dolore, la conversazione rimane un tabù, piena di vergogna, ingiustificata, e perpetua un ciclo di lutto solitario” afferma la moglie di Harry.

 

Meghan Markle ha abortito, quando è successo?

 

Teneva in braccio il suo primogenito, gli cantava una ninnananna per tranquillizzare anche se stessa, e sapeva perfettamente che il lutto si stava consumando, che il suo secondogenito stava morendo lì e in quel momento ne suo ventre.

 

Alcuni hanno coraggiosamente condiviso le loro storie; hanno aperto la porta, sapendo che quando una persona dice la verità, dà a tutti la licenza di fare lo stesso”, così Meghan spiega il perché della sua decisione di parlarne: le donne devono sentirsi libere di farlo, libere di con-dividere il loro dolore.

 

Era una mattina di luglio – ha raccontato Meghan – che iniziava normalmente come qualsiasi altro giorno: prepara la colazione. Dai da mangiare ai cani. Prendi le vitamine. Trova quel calzino mancante. Raccogli il pastello canaglia che è rotolato sotto il tavolo. Getta i miei capelli in una coda di cavallo prima di prendere mio figlio dalla sua culla.

Dopo aver cambiato il suo pannolino, ho sentito un forte crampo. Mi lasciai cadere a terra con lui tra le braccia, canticchiando una ninna nanna per tenerci calmi entrambi, la melodia allegra in netto contrasto con la mia sensazione che qualcosa non andasse.

Sapevo, mentre stringevo il mio primogenito, che stavo perdendo il secondo.

Ore dopo, giacevo in un letto d’ospedale, tenendo la mano di mio marito. Sentii l’umidità del suo palmo e gli baciai le nocche, bagnate da entrambe le nostre lacrime. Fissando le fredde pareti bianche, i miei occhi erano vitrei.

Meghan Markle

Meghan Markle ha abortito.
Fonte immagine web.

 

Meghan Markle ha abortito, ha cercato la guarigione, mano nella mano con suo marito partendo dalla condivisione dell’intimo sentire.

 

Ho ricordato un momento dell’anno scorso in cui Harry e io stavamo finendo un lungo tour in Sud Africa. Ero esausto. Stavo allattando nostro figlio neonato e stavo cercando di mantenere un volto coraggioso sotto gli occhi del pubblico.

Stai bene? mi ha chiesto un giornalista.

Gli risposi onestamente [.. .]. Ma non è stato rispondere onestamente ad aiutarmi di più, è stata la domanda in sé”, ha sottolineato Meghan.

 

L’aborto è profondamente legato a questa difficoltà contemporanea di indagare condividere empiricamente il comune sentire, quasi mai ci fermiamo a chiederci tra noi: “Stai bene?”, consideriamo questa come una domanda superflua. Invece si guarisce partendo da lì, dallo stare, anzi dal restare, inteso come sopravvivere al dolore con tenacia, e si supera condividendo il proprio sentire. Le mamme degli angeli lo sanno.

 


Meghan Markel ha abortito, fonte delle dichiarazioni: Times.



Grazie ad Alleanza Assicurazioni, potrai ricevere gratuitamente uno di questi quattro volumi. Ti basterà inserire i tuoi dati personali e lo riceverai in formato ebook insieme ad una consulenza gratuita e personalizzata sulle esigenze di protezione della tua famiglia.

Clicca qui per ricevere il tuo ebook gratuito!

Seguici