Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Doogle Google dedicato alle fiabe dei fratelli Grimm

Google celebra i 200 anni delle fiabe scritte dai fratelli Grimm

Licia

di Mamma Licia

20 Dicembre 2012

Sono trascorsi 200 anni da quando, il 20 dicembre del 1812, venne pubblicata per la prima volta la raccolta di fiabe “Kinder- und Hausmärchen” di Jacob Ludwig Karl e Wilhelm Karl Grimm. I due fratelli, nonché studiosi/linguisti, nati ad Hanau, che raccolsero e rielaborarono i racconti della tradizione popolare tedesca, tramandati da generazione in generazione, e ne fecero un’ampia collezione di fiabe: quegli stessi racconti che ancora oggi narriamo ai nostri bambini e che sono diventate le più famose fiabe di tutti i tempi.

Chi non conosce Cenerentola, Biancaneve, Hänsel e Gretel, L’oca d’oro, I musicanti di Brema, Il principe ranocchio, Cappuccetto Rosso, Raperonzolo, Il pifferaio di Hamelin, Il lupo e i sette caprettini, Rosaspina, I tre porcellini, Pollicino…?

A queste storie, a queste fiabe, Mister G dedica il suo Doodle odierno. Un lungo Doodle interattivo che, con un click o con le frecce direzionali, permette di scorrere le immagini (ben ventidue) di una delle più famose fiabe scritte dai fratelli Grimm: Cappuccetto Rosso.

E così, il Doodle racconta della piccola bambina dal cappuccio rosso che si incammina canticchiando, con la sua cesta contenente frutta ed una bevanda calda, verso il bosco, fino a quando incontra il lupo al quale racconta che la sua nonna è malata e che lei sta andando a trovarla.Il solerte lupo indica a Cappuccetto Rosso una strada per raggiungere al più presto la sua nonnina, mentre lui si reca velocemente alla casa della vecchietta che stava cucendo una sciarpa e che, sentito bussare alla porta, pensa che sia la sua dolce nipotina. Ma, sorpresa!, è il lupo che in un attimo la divora e veste i suoi panni aspettando l’arrivo di Cappuccetto Rosso, che finirà, anche lei, nel suo grande pancione. Ma un taglialegna, incuriosito da un forte russare proveniente dalla casa della vecchietta, vi si reca e, perplesso dal un lembo  di sciarpa che fuoriesce dalla bocca del lupo, decide di tirarlo, portando così in salvo nonna e nipote. Dopo aver picchiato il lupo cattivo, il boscaiolo lo mette in cella e, con in groppo Cappuccetto Rosso, riporta a casa la piccola protagonista della fiaba. La lunga sequenza di immagini termina con quella della nonnina su una sedia a dondolo che continua a tessere la sua sciarpa, questa volta a forma di Google.

Come di consueto, cliccando sul Doodle si verrà automaticamente indirizzati alla pagina di ricerca relativa, oggi, ai fratelli Grimm.

Leggi anche la fiaba a disegni di Cappuccetto Rosso da colorare.

Leggi anche

Seguici