Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

10 Cose che Noi Mamme Non Avremmo Mai Voluto Fare

10 cose che noi mamme non avremmo mai voluto fare, che avevamo giurato che mai in vita nostra...ma che inesorabilmente abbiamo fatto, e che rifaremo ancora!

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

19 Ottobre 2015

Quando ero incinta, mi ero ripromessa che sarei stata una di quelle mamme che incontri solo nei film, con regole ferree, cucina bio, kilometro zero e giocattoli in legno, perché quelli sono sicuramente i più indicati per sviluppare la fantasia e l’interazione con cose e persone del piccolo.

E guai a chi mi voleva convincere che queste prese di posizione “talebane” come le definivo io fossero difficili (per gli altri dicevo) da mettere in pratica!

10 Cose che noi mamme non avremmo mai voluto fare

10 Cose che Noi Mamme Non Avremmo Mai Voluto Fare

Oggi di figli ne ho due, e le regole talebane le ho riposte nel cassetto, non dopo però averci provato, e non dopo averci fermamente creduto, sapendo che fossero più giuste, ma ardue da mettere in pratica

Perché la verità è che noi mamme ci crediamo delle specie di wonder woman senza la coroncina, salvo poi sbattere contro il muro (solido) della routine e della quotidianità, che ti costringe a dei compromessi, che se vai a vedere non sono poi in fin dei conti così da demonizzare.

Ecco dunque 10 cose che noi mamme non avremmo mai voluto fare (e che invece la vita ci ha costretto a fare e rifare!)

A pranzo tutto fresco e di stagione.

Ho tentato, giuro, e tento ancora di seguire questa regola. Ma a volte a noi mamme viene così difficile trovare la frutta e la verdura di stagione, sbucciarla, lavarla, cucinarla, e sentirsi anche dire che quelle in busta o del fast food sono anche più buone.

E pazienza se qualche volta ricorreremo al cassetto del freezer, che una cotoletta surgelata in casa sarà pur sempre meglio di un hamburger del locale in centro. Se poi riuscissimo anche nell’impresa di far mangiare i nostri figli i legumi…. Anche quelli in scatola saranno buonissimi!

La tv si accende alle 19.

Prima si gioca, si studia, si va al parco,e tante altre cose belle. Inutile pensare di essere come 30 e passa anni fa, quando la tv dei ragazzi iniziava alle 17 (noi che vedevamo Remi e Goldrake), finiva dopo un paio d’ore, e dopo si guardava quello che volevano mamma e papà.

Adesso con le TV tematiche i miei figli starebbero H24 davanti a ‘sto monitor (che se non è di 55 pollici neanche gli piace) a guardare cartoni splatter o talmente improbabili che mi chiedo da oltre 10 anni chi abbia avuto l’idea malsana di ritrarli così!

E poi, diciamo la verità, purtroppo quando i nostri figli sono davanti alla TV noi riusciamo ad avere un momento di pace, e la casa un po’ più in ordine, a patto che non diventi un’abitudine quella di lasciarli inebetire tutto il weekend lì davanti…

Mia suocera mai

Avevamo giurato che non avremmo mai lasciato i figli dalla suocera, che ancora a 5 anni li tiene in braccio perché ha paura a farli camminare soli, che i paraspigoli sono pronti anche adesso che il grande di anni ne ha 14, che teme di fargli mettere il naso in balcone, non si sa mai si buttano giù….e poi però i genitori stanno in un’altra città, la baby sitter non l’abbiamo ancora trovata per venire di sera, la cognata neanche a parlarne, e rivediamo un attimo il nostro pensiero: “Ma in fin dei conti lo terrà così bene che lo riporterò a casa meglio di come l’ho lasciato”.

10 Cose che Noi Mamme Non Avremmo Mai Voluto Fare

Ma il giovedì con le amiche è sacro

Certo, non è detto che quando una donna diventa mamma debba annientarsi per i figli.

Un minimo di vita sociale, un caffè con il proprio uomo, un aperitivo con le amiche che sarà mai…

Sarà che quelle volte che abbiamo pensato di lasciare il bimbo a casa non ci siamo sei fidate del papà, o un’altra volta abbiamo pensato che fosse ancora convalescente da quella febbriciattola a 37° di 10 giorni fa,e che in fin dei conti se il giovedì con le amiche si trasformasse, potreste anche portare tutti i figli con voi, e farvi lo stesso un aperitivo!!

Niente foto in rete

Avevamo giurato a noi stesse e al nostro partner che le foto dei bambini su facebook non le avreste mai messe.

Va bene, però almeno di spalle, che male ci sarà mai?

E almeno i piedini che iniziano a camminare, chi mai li riconoscerà, e se imposto la privacy per mostrarle solo agli amici, cosa vuoi che sia, e se nell’immagine di copertina c’è tutta la famiglia non sarà poi così grave….

Mai in tuta per accompagnarli a scuola.

Lo diceva anche Carla Sozzi, che di stile se ne intende, mai lasciarsi andare dopo il parto e dopo avere avuto figli.

Peccato però che la tuta non presupponga bottoni, collane come accessori, niente tacchi,  niente trucco e si infila così velocemente che anche quando hai fatto le 3 per la poppata e non hai sentito la sveglia ti consente di saltare fuori dal letto e balzare fuori da casa in 5 minuti netti, meglio che al pit stop della Ferrari!

Il rapporto con il partner non ne soffrirà

Anzi, ci ritaglieremo un po’ di tempo tutto per noi, magari fingeremo di uscire e lasciare i bambini dalla suocera (pensavi davvero che non li avresti mai lasciati da lei??) per tornare invece nella nostra silenziosissima casa insieme al compagno e godervi un paio d’ore di intimità.

Si, però invece di due ore facciamo meno, magari un’oretta, o magari anche meno, e poi si sa che di notte si è troppo stanchi, e magari quel weekend romantico che avevamo programmato potremmo spostarlo dopo aver portato i bimbi a Disneyland…

10 Cose che Noi Mamme Non Avremmo Mai Voluto Fare

L’Ordine in casa è sacro

I bambini devono giocare nella loro stanzetta, solo con i loro giocattoli, e dovranno rimettere tutto in ordine loro stessi.

Personalmente credo che i miei figli abbiano scambiato il pavimento per la cesta dei panni sporchi, perché trovo calze, mutande e magliette più o meno in quest’ordine quando escono dal bagno, per non parlare dei giocattoli, che forse non sono mai stati in quella bellissima cesta che avevo comprato a suo tempo per la stanzetta.

E poi, vuoi mettere la fantasia di tuo figlio che gioca a fare il batterista con i coperchi delle pentole proprio lì al centro della cucina?

Le discussioni con le altre mamme

Da qualche anno mia sorella si annoia ad uscire con me e le altre nostre amiche che hanno dei figli, nonostante mi sembrasse che avessimo tante cose in comune tutte.

Non mi sono resa conto che nonostante il mio imperativo di non parlare solo di pannolini e latte in polvere, piuttosto ogni tanto commentare un libro o un film, non riesca (io, ma anche le mie amiche mamme) a non finire di raccontare  quello che i bimbi hanno fatto all’asilo, a judo, in piscina, a pranzo e a cena, e la lista potrebbe non esaurirsi qui.

Siamo monotematiche, ma è più forte di noi, è come una lobby, con le sue regole e i suoi argomenti principi!

I panni sporchi si lavano in casa

Avevamo promesso a noi stesse che non avremmo mai rimproverato nostro figlio in pubblico, perché odiamo vedere quelle scene da incubo alle file dei supermercati, coi bimbi in lacrime e le mamme che li trascinano per la manica di un braccio.

Adesso invece capiamo che quando un bimbo vuole il pacchetto da 300 chewingum che sappiamo che inghiottirà tutti, e capiamo che non vi riesce di spiegargli che non gliele compreremo neanche se si stende per terra sui binari del treno, l’unico modo per tentare una via di fuga è proprio lavare i panni sporchi lì, davanti a tutti, con la cassiera che aspetta che tu metta il pin al bancomat e le “signorine” che ti guardano inorridite pensando “io questo non lo farò mai” (voi aspettatele al varco però!).

E voi, che cosa avevate promesso di non fare mai diventando mamme, che non avete potuto fare a meno di fare??

Leggi anche

Seguici