Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Smettere di allattare al seno: sensi di colpa di una mamma

Un ex concorrente di un reality game show americano racconta il forte senso di colpa avuto quando ha deciso di smettere di allattare al seno il terzo figlio

Redazione VitaDaMamma

di Redazione VitaDaMamma

08 Maggio 2017

Nessuna mamma dovrebbe provare dei sensi di colpa per le sue scelte, soprattutto se queste hanno contribuito al suo benessere nonché a quello di tutta la famiglia.

Eh già, perché il pensiero di ogni mamma è rendere felice i suoi cari, figli in primis, ma come può farlo se in lei albergano sentimenti che la fanno sentire inadeguata, inutile ma soprattutto infelice.

 

I figli sono una grandissima fonte d’amore per ogni genitore ma non bisogna comunque mai sottovalutare determinati aspetti psicologici della maternità, molti dei quali si rivelano essere dei veri e propri “macigni” per una mamma che stenta a ritrovare il proprio equilibrio.

Smettere di allattare al seno: mamma racconta i sensi di colpa.

Smettere di allattare al seno: sensi di colpa di una mamma

Il noto settimanale americano People ha di recente dedicato la propria copertina a ben 6 ex partecipanti al reality game show “The Bachelorette”, un programma statunitense, trasmesso sulla ABC, che consente ad una donna di scegliere il suo futuro marito tra 25 scapoli.

Queste sei ex bachelorettes, tutte accomunate dal fatto che hanno dato alla luce un bebè nel 2016, hanno raccontato la loro attuale vita da mamma.

 

In particolar modo la 31enne Emily Maynard ha confessato i suoi sensi di colpa sopraggiunti quando ha deciso di smettere di allattare al seno.

 

La Maynard è stata protagonista dell’ottava stagione di “The Bachelorette”, trasmessa dal 14 maggio al 23 luglio del 2012, al termine della quale ha scelto Jef Holm, la loro relazione però si è conclusa nell’ottobre di quello stesso anno.

Nel giugno del 2014 Emily, già mamma di Ricki, oggi 11enne, ha sposato Tyler Johnson. Dal loro matrimonio sono nati Jennings Tyler (16 luglio 2015) e Gibson Kyle (16 settembre 2016).

 

Per l’ex bachelorette avere e crescere due figli con soli 14 mesi di differenza è stata “la cosa più difficile che abbia mai fatto”, una situazione che l’ha portata a decidere di smettere di allattare al seno.

<<L’allattamento al seno è davvero difficile – ha dichiarato la Maynard alla rivista People – Ho allattato Ricki, ho allattato Jennings per un po’ e poi Gibson, è così difficile farlo con gli altri bambini in giro per casa>>.

Ma Emily, ora che il suo bambino ha 7 mesi, ha deciso di smettere di allattare al seno anche a causa della mastite, una dolorosa infiammazione del seno dovuta ad un’infezione di origine batterica, che rendeva quel momento così speciale una vera e propria tortura.

Allattamento al seno prevenire e curare i problemi: dalle ragadi alla mastite

Tuttavia, probabilmente perché consapevole dei benefici dell’allattamento al seno, l’ex protagonista del reality ha dovuto combattere contro i forti sensi di colpa dopo la sua scelta, al punto da dover nascondere il biberon.

<<Ho appena smesso. Non volevo dire a nessuno che ho smesso di allattare al seno. Ho cercato di nascondere il latte in polvere. Ho visto tutte queste belle immagini sull’allattamento al seno, non so se avrei postato foto del genere, ma mi piaceva l’idea. Sono stata così male>>.

Smettere di allattare al seno: sensi di colpa di una mamma

Tra le ex bachelorettes che hanno partecipato al servizio di cui sopra, DeAnna Pappas Stagliano, mamma di Addison Marie (3 anni) e  Austin Michael (1 anno), ha preso le difese della Maynard e di tutte le mamme che si sentono in colpa dopo aver deciso di smettere l’allattamento al seno:

<<Nessuno dovrebbe mai farvi sentire in colpa per aver fatto una cosa del genere>>.

I benefici dell’allattamento al seno restano indiscussi ma non bisogna in alcun modo far sentire un’altra mamma inadeguata o “meno mamma” solo perché questa ha scelto di smettere di allattare.

Nessuna mamma deve essere giudicata per le sue scelte!

 

Fonte: People

 

Leggi anche

Seguici