Seguici:

Riesce ad entrare nella scuola del principino George: arrestata

Una donna si è introdotta, non autorizzata e probabilmente per rubare, nella scuola frequentata dal principino George. Le autorità ne danno notizia. I fatti:

di Redazione VitaDaMamma

14 Settembre 2017

Quel che è successo nella scuola londinese del principino George rientra, probabilmente, nella top ten dei peggiori incubi dei genitori: una donna si è introdotta nell’istituto scolastico frequentato anche dal figlio di Kate e William, l’intento, non ancora ben appurato dalle autorità, era quello di rubare (ma, appunto, non è dato sapere con certezza cosa).

 

Una donna è riuscita ad entrare nella scuola frequentata dal principino George,

da Kensington Palace fanno sapere che la duchessa di Cadmbrige e suo marito, il principe William, ne sono al corrente, intanto le autorità già sono pronte a rafforzare le misure di sicurezza.

principino George scuola

Per il principino George la scuola materna all’istituto Thomas’s Battersea è iniziata il 7 settembre.

L’incidente martedì: la donna furtivamente entrata nell’istituto scolastico è una 40enne. Le autorità escludono che volesse in qualsiasi modo entrare in contatto con gli scolari, infatti il capo d’accusa a suo carico è solo tentato furto.

 

Donna 40enne riesce ad entrare non autorizzata nell’istituto St. Thomas’s Battersea, la scuola frequentata dal principino George.

Al momento la donna è sotto la custodia delle autorità e si attende il processo.

Allo stato attuale, nessun elemento emerso nel corso delle indagini lascia credere che la donna volesse muovere una qualunque minaccia diretta o indiretta al principino George oppure ad altri bambini. Ciò non toglie che l’introduzione furtiva di un estraneo in un istituto scolastico costituisca potenzialmente sempre un pericolo o quantomeno rappresenti e palesi una debolezza dei controlli.

Gli studenti dell’istituto St. Thomas sono in totale 560 bambini tra i 4 e i 13 anni.



Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici