Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Il padre di Julen Rossello: “Siamo stati ingannati”

Il padre di Julen Rossello ha concesso la sua prima intervista televisiva, le sue parole non sono avulse dal dolore di chi è dilaniato dalla disperazione

Redazione VitaDaMamma

di Redazione VitaDaMamma

20 Marzo 2019

Il padre di Julen Rossello, il bambino caduto nel pozzo a Malaga e morto nel ventre della terra, è tornato a parlare di suo figlio, lo ha fatto con la durezza di chi non si arrende al più amaro destino:  “Siamo stati ingannati”, ha detto nella sua prima intervista televisiva.

Il padre di julen rossello

Il padre di Julen Rossello denuncia pubblicamente che, secondo le informazioni di cui disporrebbe, la famiglia non fu immediatamente informata quando i soccorritori raggiunsero Julen.

 

Il cadavere del bambino sarebbe stato raggiunto quattro ore prima della notizia ufficiale, la stampa spagnola denuncia il dolore del padre di Julen Rosello e il suo rammaricato per essere stato informato della scoperta del corpo di Julen con quattro ore di ritardo.

 

Nel corso della sua prima intervista televisiva per il programma ” Espejo Público ” di Antena 3, il padre di Julen sostiene che il salvataggio del figlio si sarebbe concluso alle 22.00 mentre la famiglia è stata raggiunta dalla notizia del decesso all’1.25 di notte, e non si dimentichi il fatto che per quella famiglia quello era il tredicesimo giorno di speranze e paure.

 

Mi è stato detto che avevano trovato mio figlio all’1.25 e so che L’hanno trovato prima delle 22.00. Non capisco perché per quattro ore non siamo stati informati “(Fonte dichiarazione Espana Diario).

Il padre di julen rossello

José ha condiviso anche un altro ricordo doloroso di quelle giornata:

 

i soccorritori lo tenevano lontano dall’area dell’incidente, ma il giorno in cui un’azienda svedese arrivò  Totalán per partecipare al salvataggio di Julen, Josè era particolarmente deciso a salire fino al pozzo, siccome non gli permettevano di accedere alla zona, l’uomo decise di sedersi proprio in mezzo alla strada e questo impediva il transito, fu allora che i soccorritori dissero molte cose a Josè: ” In 5 minuti ci hanno detto più di quello che il resto della squadra ci aveva detto in due giorni “.

 

In particolare Josè non dimenticherà mai le parole di un membro dell’operazione: ” Abbiamo una macchina che non vale niente, ma è ciò che abbiamo“.

 

L’intervista di Josè arriva in un momento delicato dell’inchiesta sulla morette di Julen. Tuttavia è impossibile pensare che le sue parole siano del tutto avulse dal dolore.

 

Il padre di Julen Rosello e mamma Victoria sono totalmente distrutti dal dolore, dal momento in cui il piccolo è caduto nel pozzo godono di assistenza psicologica. Josè ha fatto sapere che Victoria ha rifiutato la terapia farmacologica preferisce affrontare il dolore e lo strazio rimanendo presente a se stessa.

 

Impossibile non ricordare Oliver che in questo periodo dell’anno avrebbe compiuto 5 anni, Oliver era il primo figlio di Josè e Victoria, la sua breve vita si è spenta improvvisamente mentre camminava su una spiaggia tenendo la mano a un cuginetto, la diagnosi fu di infarto fulminante.

Leggi anche

Seguici