Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Neonato trovato morto in una scarpata: il cordone ombelicale attaccato

Neonato trovato morto in una scarpata, potrebbe essere nato vivo: la testa coperta da un panno annodato più volte intorno al collo, forse è stato strangolato.

Federica Federico

di Federica Federico

18 Settembre 2019

E’ venuto al mondo ma il mondo non lo ha mai conosciuto: a Lana di Sopra, nei pressi di Merano (Bolzano), il corpicino di un  neonato è stato rinvenuto già cadavere in una scarpata, era adagiato sotto un cespuglio, una tomba di fortuna, e aveva ancora il cordone ombelicale attaccato.

 


Aggiornamento al 20 settembre 2019, ore 8:58

– Le autorità hanno fermato una donna 25enne: secondo gli inquirenti è lei la mamma.
Neonato trovato morto in una scarpata -

Neonato trovato morto in una scarpata. Fonte immagine 12RF.com con licena d’uso – ID: 57766662

Neonato trovato morto in una scarpata: cordone ombelicale ancora attaccato e segni di violenza.

 

Il neonato trovato morto in una scarpata sta facendo parlare di sé, in realtà ciò di cui si parla è la violenza di una nascita già strappata alla vita, è la crudeltà di un abbandono e il freddo che gela i cuori di tutti dinanzi alla vita nascente e già spenta.

 

Il cadavere è stato segnalato da una coppia di escursionisti, ma le informazioni relative al rinvenimento sono tutte sintetizzate nella testimonianza di un locale contadino, l’uomo che più si è avvicinato al piccolo corpo.

 

Neonato trovato morto in una scarpata

Neonato trovato morto in una scarpata – foto di repertorio.

 

Neonato trovato morto in una scarpata, la prima ricostruzione dei fatti e le indagini.

 

Lunedì, una coppia di escursionisti stava percorrendo il tratto del maso-trattoria Glögglkeller, sopra Lana, una zona molto frequentata da chi ama camminare per i boschi e addentrarsi nella natura; l’orologio segnava le 16.30 quando l’attenzione dei due turisti è caduta su un cespuglio da cui sembravano spuntare i piedini di un bebè. La coppia spaventata ha chiesto aiuto a un locale contadino e l’uomo si è avvicinato al cespuglio sotto la pianta di Sanbuco, tra l’erba il cadavere di un neonato, la testa avvolta in un panno.

Il panno era setto più volte intorno al collo e il colorito del bebè potrebbe suggerire una morte violenta. Il contadino si è ritratto mentre il turista ha cercato di capire se il bimbo fosse vivo o morto, ma non c’era polso.

 

L’autopsia stabilirà se il bimbo sia o meno nato vivo, probabilmente sì, forse è stato strangolato e poi abbandonato in quel sepolcro di Sanbuco già dal mattino di lunedì.

 

Neonato trovato morto in una scarpata – il racconto del contadino Oswald Verdorfer.

La donna ha notato qualcosa in un cespuglio e ha chiamato il marito che si è avvicinato e ha capito che si trattava di un bambino. A questo punto mi hanno chiamato e non mi è rimasto altro che chiamare il 112. Il corpicino era nascosto sotto il cespuglio, era nudo, ma pulito, un maschietto piuttosto grande. Io non me la sono sentita di guardare, ero sotto shock. L’uomo invece ha controllato il polso e ha detto che il corpicino era freddo. Qui passano tanti turisti, ma proprio non so chi possa avere fatto questo ” – ha raccontato con forte commozione il contadino coinvolto nel ritrovamento.

Leggi anche

Seguici