Seguici:

Ispezione: il caso di Denise Pipitone è stato riaperto

Il caso di Denise è stato riaperto, una ispezione in quella che fu la casa di Anna Corona è stata ordinata stamani, ne dà notizia la stampa nazionale.

Redazione VitaDaMamma

di Redazione VitaDaMamma

05 Maggio 2021

Il caso di Denise Pipitone è stato riaperto dalla Procura di Marsala, ma ciò che colpisce l’opinione pubblica oggi è l’ispezione avvenuta stamani, su istanza della Procura stessa, in quella che era l’abitazione di Anna Corona ai tempi del rapimento di Denise.

 

il caso di Denise Pipitone è stato riaperto

Riaperto il caso di Denise, l’ispezione. © Riccardo Squillantini / LaPresse

A poche ore dalla scomparsa della bambina, il 1° settembre 2004, le forze dell’ordine si recarono a quello stesso indirizzo e a  quello stesso civico di  Mazara del Vallo in cui oggi ha avuto luogo l’atto investigativo, ma non misero mai piede in casa di Anna Corona. Un equivoco mai veramente risolto condusse le autorità in casa di una vicina.

I Carabinieri non entrarono mai in casa di Anna Corona: ecco come e quando è emersa la verità

 

Il caso di Denise Pipitone è stato riaperto, oggi cosa cerca la Procura in quell’appartamento?

 

L’ispezione viene rubricata come”accertamento dello stato dei luoghi”. 

Dopo la riapertura del caso, i magistrati sono tornati ad ascoltare alcune persone, la stampa nazionale si sofferma su una segnalazione in particolare: una fonte anonima avrebbe “parlato di una misteriosa botola e di alcuni strani lavori di ristrutturazione” in quella casa (fonte giornalistica Repubblica.it).

 

Oggi, peraltro, ricorre la giornata #veritaegiustiziaperdenise, Piera Maggio e l’avvocato Frazzitta hanno invitato tutti a postare sul web una immagine di Denise affinchè quest’oggi si leghi alla ricerca di Denise Pipitone e alla richiesta collettiva e univoca di verità.

 



Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici