Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Genitori Truffati che Hanno Perso il Figlio per il Cancro

Una truffa a genitori già provati, addolorati che non meritavano certo questo

Gioela Saga

di Gioela Saga

16 Gennaio 2017

Il dolore di un genitore che perde un figlio non passa mai, sconvolge una vita e dura una vita.

 

Sapere che le sofferenze del proprio figlio sono finite poi nelle mani di speculatori senza scrupolo è una beffa che non si può tollerare e merita la gogna più pesante che possa esistere per dei genitori truffati.

Genitori Truffati che Hanno Perso il Figlio per il Cancro

genitori truffati dopo aver perso figlio

Stephanie e Wayne vivono in una cittadina inglese vicino Manchester e hanno tre figli, i due figli più grandi si chiamano Tyler e Kody, e il piccolo di casa è Braiden. Quando ha solo due anni, proprio al piccolino vine diagnosticato un neuroblastoma, un tipo di cancro che si forma in alcuni tessuti nervosi e che colpisce in genere i bambini.

 

Come sempre accade, una notizia del genere sconvolge la vita di tutti e la travolge spezzandola ancora prima dell’arrivo della morte. Inizia la lotta, una lotta fatta di sofferenze, si inizia la chemioterapia, il trapianto di cellule staminali, la radioterapia e persino l’immunoterapia.

 

Mai i genitori avrebbero pensato che oltre a questo dolore sarebbero stati dei genitori truffati anche dopo la sua morte

Braiden è un bambino molto forte che riesce a sconfiggere questo male orribile per ben due volte.

Quando però la malattia si è ripresentata per la terza volta, il bambino è troppo debole per affrontarla.

 

A quel punto la madre, disperata, non riesce più a stare vicino al figlio e a vederlo soffrire, crea anche una petizione on line per raccogliere fondi per potergli assicurare delle cure migliore e all’avanguardia. Apre una pagina Facebook anche per far conoscere la sua storia e farsi aiutare, oltre che per aggiornare sulla situazione del bambino.

 genitori truffati dopo perdita del figlio

 

A volte vengono pubblicate immagini scioccanti e sempre molto tristi.

 

Purtroppo Braiden non ce l’ha fatta e muore nel settembre del 2016: oltre a questo i genitori truffati devono subire un danno ulteriore.

 

La mamma, distrutta da dolore, dedica questa parole dolcissime al suo Braiden:

 

“Per 5 anni hai combattuto questa malattia con dignità e il sorriso sul viso… non ti sei mai lamentato, anche quando hai perso le gambe a causa di questa cosa orribile… hai detto solo che andava bene, ma lo so che hai tenuto dentro di te un sacco di dolore.

Sono la tua mamma, so meglio di te che stavi cercando di proteggerci.”

Nessuno poteva immaginare che qualcuno si fosse nel frattempo appropriato delle foto on line del bimbo per mettere in piedi una truffa bella e buona.

 genitori truffati dopo perdita del figlio

Genitori truffati dopo la morte del figlio per il cancro

Una truffatrice faceva finta di essere la madre di Braiden e usava le foto pubblicate dalla vera mamma per chiedere denaro e regali.

 

Arriva persino a pubblicare una foto su WhatsApp aggiungendo, a commento, “Non c’è niente di peggio che vedere tuo figlio combattere per la su vita.”

Quando i genitori di Braiden vengono a conoscenza di tutto ciò sono allibiti, contattano subito la donna con il numero WhattsApp e ciò che risponde la truffatrice lascia allibiti, non può che confermare la cosa e si giustifica dicendo:

 

 

“Vorrei aver approfondito la storia, in realtà non volevamo farvi soffrire ma mio marito ha perso il lavoro, stava arrivando Natale e non potevamo pagare i conti, volevo solo un po’ di aiuto…”

Stephanie non può giustificarla:

 

“Non ci sono scusanti per quello che ha fatto. Se solo sapesse cosa significa combattere un cancro…”.

Pare che le indagini siano ancora in corso perché la donna ha poi smentito tutto ciò dicendo che le era stato manomesso il telefono da terze persone.

 

Di chiunque sia la responsabilità di tutto ciò è davvero mostruoso e ci auguriamo che sia fatta luce quanto prima su una truffa così brutale sui sentimenti ancora prima che sul lato economico.

 Possibile Sintomo Precoce di Neuroblastoma: un Livido

Fonte: Cool-buzz.net

Leggi anche

Seguici