Seguici:

I ragazzi della 3ª C: com’erano e come sono diventati

Che fine hanno fatto gli attori protagonisti de I ragazzi della terza C, la famosa serie televisiva made in Italy? Ecco come sono diventati oggi i personaggi della serie tv cult degli anni 80

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

10 Novembre 2021

Prodotta nel periodo in cui c’era stato un vero e proprio boom di sperimentazioni televisive, la serie tv made in Italy “I ragazzi della terza C”, paragonabile alle odierne sit-com, riscosse un enorme successo, raccogliendo consensi e conquistando sia il pubblico più giovane che non.
Considerato l’apripista di quello che in seguito fu il “filone dei telefilm italiani” (vedi I ragazzi del muretto), la serie fu trasmessa su Italia 1 dal 13 gennaio 1987 al 23 maggio 1989, suddivisa in 3 stagioni, ognuna composta da 11 episodi tutti diretti da Claudio Risi. Ambientato nella Roma degli anni ottanta, raccontava le vicende di un gruppo di studenti che frequentavano il liceo classico “G. Leopardi”.

 

Ma che fine hanno fatto i protagonisti del telefilm?

 

Scopriamo insieme come sono oggi gli attori che interpretavano Lazzaretti, Sacchi & Co e cosa fanno.

 

I ragazzi della terza C: come sono oggi gli attori

Studenti del liceo durante una lezione.
Studenti del liceo durante una lezione.
Foto diritto d’autore: dovidovicd© 123RF.com – ID Immagine: 147210691 con licenza d’uso.


 

I ragazzi della terza C: come sono oggi gli attori.

Forte del grande successo riscosso dalla serie televisiva, sono ancora molti gli italiani che ricordano con grande affetto i ragazzi della terza C, un gruppo di giovani così diversi tra loro ma al tempo stesso unito, coeso, le cui storie descrivono appieno gli spensierati e controversi anni della scuola superiore.

 

 

1. Enrico “Chicco” Lazzaretti – era l’eterno ripetente, il trascinatore della classe, un vero e proprio vulcano si idee ma soprattutto di guai, sia per lui che per i compagni di classe. Era interpretato da Fabio Ferrari, classe 1959, che ha proseguito la sua carriera di attore e regista dividendosi tra cinema, televisione e teatro.
Conclusa l’esperienza con I ragazzi della terza C, Ferrari interpretò nel 1990 il capo-camerata Emilio Baldani nel telefilm “College” per poi dedicarsi alla cinematografia lavorando per registi quali Ettore Scola, Pupi Avati e Carlo Vanzina. In seguito ha preso parte a diversi lavori teatrali, tra cui “Chat a due piazze” diretto da Gianluca Guidi, figlio di Johnny Dorelli. Di recente ha preso parte alla miniserie televisiva “Alfredino – Una storia italiana” che racconta l’angosciante vicenda del piccolo Alfredino Rampi, il bambino di 6 anni protagonista della tragedia del Vermicino.

 

Alfredino Rampi: la tragedia di Vermicino


 

Nota per il lettore: nella foto che vi proponiamo qui di seguito, Ferrari è insieme a Riccardo Rossi (1962), attore e personaggio televisivo che nella serie TV ha interpretato Mazzocchi, studente di terza F, classe antagonista della terza C.

 

 

2. Bruno Sacchi – è l’eterno bambinone, il ragazzo tenero ed indifeso, costante “vittima” dei reiterati scherzi dell’intera classe, e non solo, preso in giro per la sua inesperienza e l’eccessivo peso. Questo personaggio era interpretato da Fabrizio Bracconeri, classe 1964, divenuto nel tempo un attore e un personaggio televisivo.
Come Ferrari, anche Bracconeri è stato tra i protagonisti del telefilm “College” prima di cimentarsi con il cinema (ha avuto parti in film come Fratelli d’Italia, Saint Tropez – Saint Tropez e Attenti a noi due – ndr). Dopo l’incontro con Rita Dalla Chiesa, nel 1993 l’attore è entrato a far parte della “famiglia” di Forum, programma televisivo che l’ha visto ricoprire il ruolo di collaboratore e guardia giurata dal 1993 al 1997 e dal 2004 al 2013.
Bracconeri si è sposato due volte ed è padre di quattro figli.

 

 

3. Massimo Conti – era il bello della classe, un giovane atletico con un debole per le ragazze attraenti; seppur grande amico di Chicco era in perenne competizione con lui per la conquista della loro compagna Sharon Zampetti. Il personaggio era interpretato da Renato Cestié, classe 1963, attore italiano che ha intrapreso la carriera cinematografica a soli 6 anni (il suo primo film fu Una storia d’amore di Michele Lupo del 1969).
Dopo il grande successo attenuto grazie alla serie TV I ragazzi della terza C, Cestié ha lavorato in alcuni film fino al definitivo ritiro dalle scene nella metà degli anni ’90. Attualmente gestisce una palestra a Roma, è divorziato ed ha un figlio che ha intrapreso la carriera di attore.

 

4. Sharon Zampetti – era la facoltosa snob della classe, la figlia del commendator Zampetti, ricco industriale milanese, produttore di salumi. Interpretata dall’ex modella Sharon Gusberti, classe 1964, che decise di ritirarsi dalla scena televisiva poco dopo la conclusione de I ragazzi della terza C.
Sposata ad un imprenditore milanese (guarda a volte il destino – ndr), oggi vive nel capoluogo lombardo e si dedica a tempo pieno al suo ruolo di mamma, prendendosi cura delle figlie Valentina e Martina.

 

 

5. Daniele Rutelli – era il fidanzato di Rossella sin dai tempi delle elementari, dolce, tenero ed affettuoso era un ritardatario cronico, capace di addormentarsi sempre e ovunque. Interpretato da Giacomo Rosselli, classe 1961, che ha continuato la sua carriera di attore dividendosi tra cinema, televisione e teatro prediligendo quest’ultimo. La sua ultima apparizione cinematografica risale al 2020, l’attore ha preso parte al film “18 regali”, pellicola ispirata alla storia vera di Elisa Girotto.

 

 

6. Rossella Schnell – era la fidanzata di Daniele e rappresentava la “ragazza comune” che viveva in simbiosi con il suo ragazzo, al punto da essere considerati un’unica persona. Questo ruolo fu affidato a Claudia Vegliante, classe 1967, la cui carriera artistica era iniziata ben prima de I ragazzi della terza C.
La Vegliante infatti nasce artisticamente come cantante e ballerina di alcune trasmissioni tv (Tilt, Come Alice) ed interpreta film quali “L’ingorgo” e “Uno scugnizzo a New York”. La sua carriera televisiva si interrompe dopo aver interpretato nel 1995 una piccola parte nella serie “Caro maestro” per dedicarsi interamente al teatro dove acquista esperienza anche come assistente alla regia. Attualmente è impegnata con il Gruppo EXODOS, impegnato nella ricerca teatrale e nella produzione di spettacoli.

 

 

7. Benedetta Valentini – era la dark del gruppo con la passione per il cinema e la letteratura coreana, l’horror e la meditazione. La caratteristica che contraddistingueva questo personaggio era la battuta “Che angoscia” che Benedetta ripeteva costantemente.
Fin interpretata da Nicoletta Elmi, classe 1964, nipote della nota Maria Giovanna Elmi che ha iniziato la sua carriera come baby modella per poi approdare sul grande schermo come attrice (Reazione a catena, Gli orrori del castello di Norimberga, Profondo Rosso, ecc.). Nei primi anni ’90, la Elmi decise di abbandonare il mondo dello spettacolo per trasferirsi a Milano e specializzarsi in logopedia. Oggi ha 3 figli adottivi di origini colombiane.

 

 

8. Elias e Tisini – erano le secchione della classe, derise e schernite da tutti i compagni per il loro aspetto che, a detta dei ragazzi, non rispettava i soliti canoni di bellezza. Erano il bersaglio preferito degli scherzi e scherni di Chicco che, dopo averle portate all’esasperazione, riceveva da loro sempre la solita risposta, pronunciata rigorosamente in coro: “Quanto sei cretino, carino”.

 

Il ruolo di Elias era stato affidato a Stefania Dadda, classe 1964, oggi è un’attrice e una regista italiana. Pur essendo conosciuta soprattutto per la sua interpretazione ne I ragazzi della terza C, la Dadda ha proseguito la carriera nel mondo dello spettacolo realizzando anche una serie di documentari e filmati per l’emittente Rai Sat.

 

A Francesca Ventura, classe 1956, fu invece affidato il ruolo di Tisini, un’attrice che all’epoca aveva maturato una discreta esperienza nelle commedie all’italiana (In viaggio con papà di Alberto Sordi, Vado a vivere da solo di Marco Risi, Sapore di mare 2 – Un anno dopo, per citare alcune pellicole). Dopo il successo televisivo avuto con I ragazzi della terza C, la Ventura si è “destreggiata” tra il cinema (Piccolo grande amore, Celluloide, Il talento di Mr. Ripley, ecc.), il teatro (sia come interprete che come regista) e la letteratura (ha pubblicato tre libri: due gialli e uno su Dante Alighieri).
Oltre alla carriera di attrice, l’artista si occupa anche dell’organizzazione di festival d’arte a Sovana, borgo toscano in provincia di Grosseto.

 

 

9. Il professore di italiano – l’insegnante si divertiva ad assegnare insufficienze ai suoi alunni meno portati, in particolar modo a Bruno Sacchi e Chicco. Celebre la sua frase “Sacchi… tre!” accompagnata dal gesto delle tre dita che grattavano il naso.
Lo storico prof. fu interpretato dall’indimenticabile Antonio Allocca, attore italiano di origini partenopee nato nel 1937 e deceduto nel 2013 all’età di 76 anni (era malato di Alzheimer). Grande artista sia di cinema che di teatro, Allocca aveva lavorato con alcuni dei più importati nomi dello spettacolo, tra cui Eduardo De Filippo, Ugo Tognazzi, Paolo Villaggio, Mario Scaccia, Steno, Nanni Loy e molti altri.

 

10. Ciro – era il cartolaio che riusciva a vendere qualsiasi cosa, anche la più inutile, al povero Bruno Sacchi. Era interpretato da Massimo Giuliani, classe 1951, attore romano che da sempre si è destreggiato tra il cinema (L’ultimo innocente, Ci hai rotto papà), la televisione (S.P.Q.R., Don Matteo, etc.) e il doppiaggio (è stato la voce di John Belushi nel film The Blues Brothers, di Mel Gibson, etc.). È sposato con Tiziana Lattuca, direttrice di doppiaggio, ed ha un figlio, Daniele Giuliani, anche lui doppiatore, noto per aver dato la voce a Can Yaman.

 

 

 

11. Commendator Camillo Zampetti – era il ricco e facoltoso industriale nel ramo degli insaccati, nonché papà della bellissima e ambitissima Sharon. Questo personaggio fu interpretato da Guido Nicheli (1934 – 2007), uno tra i più celebri attori comici della cinematografia italiana, deceduto all’età di 73 anni per un ictus fulminante. Interprete di film quali Eccezzziunale… veramente, Sapore di mare, Vacanze di Natale, Yuppies – I giovani di successo, Anni 90, Panarea, etc., è stato protagonista anche di molte serie tv, oltre ovviamente a I ragazzi della terza C.

 

12. Totip – era il gestore del bar che i ragazzi della terza C erano soliti frequentare all’uscita della scuola. Il ruolo era stato affidato a Enio Drovandi, classe 1954, attore di cinema, teatro e televisione che ha lavorato con Benigni, Vanzina, Monicelli, Steno e molti altri.

 

 

 


 

Articolo originale pubblicato il 15 Aprile 2013



Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici